Tuomas: ”Se tutto va bene il disco uscirà nella primavera del 2020″

Intervistato recentemente da MetalWani, Tuomas ha parlato in questa clip di vari argomenti. Eccone un breve sunto:

  • Suonare la prima leg del Decades tour è stato un vero viaggio della memoria. Alcune canzoni sono più difficili di altre da suonare, per via dell’evoluzione musicale della band, soprattutto dal punto di vista delle Lyrics (The Carpenter, o Dead Boy’s Poem)
  • Le canzoni che preferiscono suonare sono The Greatest Show on Earth, I want my tears back (perché ci fa ballare), Ghost Love Score (perche i fan amano l’acuto finale di Floor, davvero da brividi)
  • Per quanto riguarda il prossimo disco, Tuomas ha composto il 70-80% del materiale ma non lo ha ancora fatto sentire a nessuno, è ancora al primo stadio della creazione ma è davvero soddisfatto di come stia venendo
  • Nel giugno 2019 la band inizierà a registrare col consueto summer camp, se tutto va come dovrebbe il disco potrebbe uscire nella primavera del 2020 
  • Ovviamente il disco sarà seguito da un tour mondiale
  • Tuomas ha parlato di Jukka, ma non è certo che tornerà presto dietro alla batteria. A inizio anno, Jukka ha subito un intervento alla mano quindi è ancora difficile per lui suonare, così come è incerto il suo ritorno nella band
  • La band non intende ripetere l’esperienza cinematografica come è successo per Imaginaerum, si è trattato di un caso isolato. Tuomas pensa anche che non ci saranno in futuro video musicali, perché non si sento più a loro agio, ci saranno ”altri formati”
  • L’intervistatore chiede a Tuomas se ci sono per lui fonti di ispirazioni oltre al musica al momento: ”il nostro mondo è un ottimo terreno, con tutto quello che sta succedendo, il buio vs la luce, il bene vs il male…. a volte però si vuole si scrivere qualcosa di più concreto, sia esso un disco su un fumetto di paperi o delle storie dei nativi americani. A volte leggi un libro specifico che ti ispira a scrivere una canzone precisa, ma in generale si tratta del sentimento che ti ha ispirato”
  • Per il prossimo tour europeo, la scaletta si baserà su una selezione delle 20 (circa) canzoni prescelte che sono state provate prima del tour stesso

 

Potete ascoltare l’intervista completa qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *