Nightwishers intervista Floor Jansen. Ecco cosa le abbiamo chiesto

Giovedì abbiamo avuto la possibilità di intervistare Floor Jansen. Come sempre si è dimostrata disponibile, gentile e a quanto pare si è anche divertita. Ecco il resoconto dell’intervista:

[English  version: click here]

Giovedì abbiamo avuto la possibilità di intervistare Floor Jansen. Come sempre si è dimostrata disponibile, gentile e a quanto pare si è anche divertita. Ecco il resoconto dell’intervista:

Ciao Floor, sono Mattia di Nightwishers!
Ciao, come stai?

Bene tu? Congratulazioni per la tua gravidanza! Ormai sei circa al quinto mese, siamo molto contenti per te. Ma iniziamo con l’intervista. Il DVD verrà rilasciato presto e ci saranno due concerti. Hai già visto il materiale? Sicuramente sei fiera del lavoro della band, ma c’è qualcosa che vorresti cambiare?
ride Si, fare tanta promozione a un prodotto  e essere parte della band implica che lo abbia visto! Mi chidi se vorrei cambiare qualcosa?

Sì, se c’è qualcosa di sbagliato o se volevi cantare in modo diverso?
ride È una domanda strana in effetti, perché nessuno vuole far uscire un prodotto imperfetto, quindi quando lo realizzi ne sei fiero. E lo sono per questo DVD.

Questo è il tuo secondo DVD live con i Nightwish, ma questa volta ci sono canzoni composte per te e per la tua voce. Eri più a tuo agio per questo? Pensi che grazie a questa cosa Vehicle of Spirit possa essere un prodotto migliore rispetto a Showtime, Storytime?
Approcciarsi a una canzone dei Nightwish è una cosa che ha sempre avuto un tocco personale. Ci ho sempre messo il mio input sia in un pezzo nuovo o vecchio, maa ovviamente per canzoni che non sono mai state cantate da altre persone, sono più “mie’’ , la cosa che potrebbe fare la differenza è che sono stata in quel tour mondiale dall’inizio, dalla prima nota in poi, di sicuro fa la differenza maggior tra le due registrazioni. Non sono più fiera di questo o di quell’altro prodotto , perché sono fiera anche di Showtime, si tratta di registrare un momento della nostra carriera, e delle nostre vite  e ora siamo a questo punto!

Anche la location è diversa, non è un festival, quindi è qualcosa più “vostro” più intima…
Sì, certo.

Parliamo del tour, i fans italiani sono contentissimi, avete fatto tre date in meno di un anno: Bologna, Roma e Mantova. Non è mai successa una cosa del genere. Hai bei ricordi di questi show? Quale ti è piaciuto di più?
ride Non saprei se ce n’è uno meglio degli altri ma tutti e tre sono stati molto divertenti.

Per quanto riguarda i meet, ne avete fatto uno in ogni città e anche una Masterclass a Roma. Ci sono bei ricordi che vuoi condividere?
Be’, ci siamo divertiti molto ai meet, ci sono tanti stati tanti fan fantastici. Non siamo stati seduti nel backstage a non far nulla, se abbiamo un po’ di energia ci piace uscire e incontrare la gente. La Masterclass è stata una cosa mia e non ha niente a che vedere con i Nightwish, anche se avevamo uno show lì, ricordo che c’erano molte persone del fanclub ma era aperto a tutti, e ci hanno fatto tantissimi bei regali che mi sono portata a casa, tanto cibo delizioso and cose legate al tema dell’album.

Quindi la gravidanza non ti ferma dal lavorare, anche se la band si sta riposando, tu ti esibirai con altri artisti, tra cui Marco, per il Raskasta Joulua, scusa la pronuncia del finnico!
Oh no è molto buona!!

È un evento natalizio quindi diventerai una specie di Mariah Carey del metal….
Oh….Davvero? ride

Farai All I Want for Christmas is you? Scherzo, ovviamente!
Fortunatamente no, non voglio essere la Mariah del metal!

Meglio!! Non sono un grande fan!
ride nemmeno io!!

Come ti stai preparando per l’evento? Sei eccitata all’idea?
Sto provando qualche pezzo a casa con gli strumentali ma doomani facciamo le prove con i cantanti e vedremo un po’ di cose assieme. Sì sono entusiasta perché non ho mai fatto una cosa del genere, con così tanti cantanti. C’è un progetto simile chiamato –non lo ricordo.,,

Sì,  lo ricordo, dovevi venire in Italia anche ma la data fu cancellata…
Sì, Heavy Christmas, era bello, ma non aveva nulla a vedere con il Natale perché nessuno suonava canzoni di Natale. Era solo un’occasione così…
È interessante fare le versioni metal delle carole di natale, penso possa essere divertente

Sicuramente. Parlando di collaborazioni, sarai una delle prossime guest del disco ddi Ayreon. Hai gia lavorato con Arjen, ci sono differenze tra lui e Tuomas  nella produzione di disco?
Non capisco perché la gente voglia fare delle comparazioni perché sono delle composizioni totalmente diversi. Sono la cantante dei Nightwish  e le canzoni sono cantante principalmente da me (e ovviamente da Marco), mentre in Ayron le canzoni sono composte per molte voci diverse e scrive varie parti  e poi cerca diverse voci per la parte che ha in mente… È difficile trovare una comparazione, ma sono persone molto diverse, ma conosco Ayreon da quando avevo 18 anni e sono stata ospite di alcuni dei suoi dischi.

Mi ha mandato una mail e mi ha chiesto se volevo cantare per lui, e non ci ho nemmeno pensato perché mi è piaciuto cantare per lui, fa un prodotto di qualità e ci sono anche altri artisti importanti.

In un’intervista Tuomas ha parlato di un concerto con un’orchestra. Va detto che sarebbe un sogno, pensi sia fattibile, magari nel prossimo tour? Non per mettervi pressione!
Sì, tante persone per anni ci hanno chiesto questa cosa e ormai non è più originale, non è una della nostre priorità al momento, ma sì se dovesse succedere di sicuro sarebbe bellissimo.

Sicuramente è difficile per via del tuo impegno con i Nightwish, ma hai dei piani per la tua carriera? Non con un’altra band, infatti i ReVamp non esistono più, ma altre collaborazioni? Un disco solista, magari?
Be’, sì e no, non ho nuove collaborazioni, ma nel 2008 ho scritto un album rock con un chitarrista norvegese, Jorn Lofstad che suona nei Pagan’s Mind. Quest’album non è mai stato pubblicato, è pronto, ma non lo abbiamo registrato. Un anno fa ci ho rimesso  mano e ho pensato che sarebbe davvero bello farci qualcosa, ma la mia unica ambizione per il prossimo anno è diventare una mamma e rilassarmi. Se c’è tempo libero vorrei fare musica, quindi questo progetto che è stato chiuso in un cassetto potrebbe tornare prossimamente ma non voglio prendere alcun impegno, voglio scrivere musica quando mi fa e quando riesco. Se riesco a finire questo disco, sicuramente verrà pubblicato.

Siamo quasi alla fine dell’intervista, quindi visto che hai detto che vorrai fare solo la mamma per un po’, dovrai preparati ai film Disney! Qual è il tuo preferito? C’è una canzone Disney che avresti voluto registrare?
Oddio, non so… Non sono molto fan della Disney!

Mi hai spezzato il cuore così…
Scusa!

Ultima domanda, facile. Cosa c’è nell’iPod di Floor Jansen? Dicci 5 canzoni che non riesci a smettere di ascoltare ultimamente.
Più che di canzoni direi che vado a dischi, sono una persona da album.  Mi è piaciuto In Orbit degli Evergrey in cui ho cantato…  Oddio non ricordo i nomi…. Un album che ascolto spesso è anche l’ultimo dei Delain e infine le colonne sonore di Angeli e Demoni e Il Gladiatore.

Grazie tante per il tuo tempo!
Grazie a voi per supportarci in italia, speriamo di vederci nel 2018!!

Assolutamente, è stato un onore!
Grazie a voi!!

2 thoughts on “Nightwishers intervista Floor Jansen. Ecco cosa le abbiamo chiesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *