Dusia intervista Tuomas

Il sito ucraino Dusia, in occasione del recente show a Kiev, ha incontrato Tuomas per un’intervista. Eccone un estratto tradotto

 

 

– Tuomas, l’ultima volta che sei venuto a Kiev era il 2012, prima della rivoluzione. Pensi sia cambiata l’atmosfera in città?

  • Siamo arrivati ieri sera e abbiamo avuto solo modo di mangiare fuori e visitare un bar . Non ho girato molto per la città quindi non ho ancora notato differenze. Stamattina abbiamo incontrato dei fans, tanta gente entusiasta e felice.  Non posso notare le differenze tra allora e oggi….

  Maggio è il periodo migliore a Kiev, ci sono le castagne che sono un po’ un nostro simbolo…. 

  • Oh, grande! Ma non abbiamo avuto il tempo di fare una passeggiata. Purtroppo, e spesso  succede in tour    possiamo solo vedere l’aeroporto e l’hotel, andata e ritorno….

  C’è un’altra cittadina ucraina che vorreste visitare?

 Odessa! Ho sentito dire che si tratta di una città molto bella con splendidi panorami …purtroppo per quanto riguarda la vostra musica non so nulla. Ho smesso di seguire la scena, soprattutto metal.

 Perché?

 Non lo so. Per qualche ragione, ho smesso di ascoltare musica nel tempo libero. Probabilmente, sono sopraffatto dalla mia. Siamo in tour da un anno e mezzo e facciamo letteralmente overdose di musica. Quando vado a casa, mi piace il silenzio e il canto degli uccelli, non voglio ascoltare la musica. Forse le cose cambieranno quando il tour si concluderà.

 So che vivi in Finlandia, in un luogo molto suggestivo …

 Per tutta la vita ho vissuto nella stessa città   Kitee. La mia casa è vicino al lago, è così impressionante!Non riesco nemmeno a immaginare di vivere in un altro posto.

 A causa degli eventi nel nostro paese, molti artisti stranieri hanno paura di suonare qui

–  (Ride.) Oh no, non abbiamo paura. Circa tre anni fa abbiamo suonato in Libia, nei pressi di Beirut. La guerra era davvero vicina! Ma ci hanno detto di andare lì, che era perfettamente sicuro per noi. E crediamo che quello che dicono i promoter locali. Così, senza problemi. Inoltre, tali visite sono importanti: portare gioia alla gente, che è in attesa di questo concerto e non pensa solo ai problemi, ma anche a qualcos’altro. Fare in modo che il sorriso persona appaia sul loro volto, farlo ridere, dare qualche speranza … In generale, visitando questi luoghi    è più che importante e opportuna.

 Probabilmente siete interessati alla politica?

 Sì, mi interessa la politica, ciò che sta accadendo nel mondo, ma è separato dalla musica. Noi Nightwish non siamo una band politica. Si tratta di un’arte! Non stiamo cercando di influenzare qualcuno, se facciamo alcune dichiarazioni cerchiamo di rimanere il più neutrale possibile. E in una intervista anche io non mi piace parlare di politica.

 Quindi non chiediamo!

 Lo so! so solo che non dobbiamo mescolare musica e politica.

 

Allora parliamo di Eurovision Song Contest?L’ Ucraina quest’anno ha vinto.

 Complimenti! (ride.)

  Segui l’Eurovision per vedere come si piazza la Finlandia?

  Lo guardo ma non per la musica, perché non è solo musica, ma mostrano semplicemente ciò che è piacevole guardare. É uno show, un intrattenimento, soprattutto non avendo a che fare con la musica stessa mi distrae.

Prima era un concorso canoro, negli anni 70 e 80 lo era. Ora è tutto cambiato. Ci sono scenografie perfette, pirotecnica, maxi schermi…. questo è quello che visualmente mi piace vedere dell’Eurovision, mi faccio una bella risata e mi diverto. Forse è per quello che è popolare, perché intrattiene.

– Durante il nostro ultimo incontro con voi, mi hai detto che porti sempre con te un registratore e un quaderno per annotare quando improvvisamente di viene un’idea per una canzone. Quando e dove hai scritto l’ultima canzone o brano?

 Questa mattina a Kiev! Non ha nemmeno un pezzo di musica, ed è solo un’idea   il concetto e lirica della canzone. L’ho composto in hotel.

Sai la mattina per me  è anche il momento più produttivo. Anche se il nostro gruppo si chiama Nightwish (dall’inglese “Notte dei desideri” ), non sarò mai in grado di comporre di sera o di notte. Di tutti i nostri prezzi, forse 5 al massimo sono stati scritti di notte. Sono una persona mattutina: mi sveglio molto presto, alle sei o alle sette , e  mi godo  una lunga mattinata. Lo faccio in tour e a casa

 Ti sempre alzarsi così presto, anche nei fine settimana?

 Se abbiamo un concerto e finiamo tardo, no. Ai festival, per esempio, la nostra prestazione può iniziare anche alle 11-12 di sera. Ma nel corso degli ultimi cinque anni, comunque non mi alzo dopo le 9 del mattino

 Che cosa, mi chiedo, fai quando ti svegli ?

 Mi piace la pace e la solitudine   sia in giro che in alberghi e a casa. Mi piace il caffè e bevande per la colazione, probabilmente ne berrei un litro. Mi piace fare i cruciverba e leggere le notizie. Beh, qui ci sono tre delle mie abitudini del mattino: caffè, cruciverba, notizie. Un po ‘di lavoro per il cervello per non farlo regredire…

 E qual è il tuo rapporto con la vita? Le persone creative ne hanno sempre un rapporto particolare

 Mi piacciono le cose diverse ogni giorno. Per esempio, mi piace cucinare  ma soprattutto fare barbecue.Quando sono a casa, conduco una vita normale. Per me è importante separare il mondo dei Nightwish da casa mia.Custodisco la mia privacy, la cura per la famiglia, mi piace il posto in cui vivo. E mi piace il giardinaggio, la cura per le piante!

Ma che sorpresa…e  cosa stai coltivando?

 Molte erbe, narcisi. E patate, pomodori, una ventina di tipi di peperoni rossi.

 I suoi genitori vivono anche in Kitee. Vengono a trovarti spesso?

  Si viviamo molto vicini e ci vediamo spesso, quando sono a casa li invito a cena, con la mia compagna anche. Inoltre, passiamo le vacanze insieme. Sì, direi che siamo molto vicini con a mamma e papà, ma anche a mio fratello e mia sorella …

  Hai avuto un’infanzia molto felice…

 Sì, sono stato fortunato in questo. Non tutti hanno avuto una tale infanzia. Sono nato nel 1976, la mia famiglia ha vissuto nei boschi abbastanza appartata. Probabilmente, questa è la base della felicità.

 Quando ho visto il vostro film “Imaginarium” (2012), ho visto il tuo cameoe ho avuto la sensazione che tu abbia avuto un rapporto difficile con tuopadre.

 No, non è vero! “Imaginarium”  è una storia, una finzione. E sembra strano quando la gente fa queste conclusioni. Sì, il protagonista del film chiama Thomas e io   Tuomas. Questa è l’unica cosa in comune. Il mio rapporto personale con mio padre è sempre stato molto buono. E così è ancora

  Stai pensando a figli tuoi…?

  •  (sospira) Oh, è un po ‘personale … non rispondo

 Va bene, parliamo del film. Dopo il “Imaginarium” avete altri progetti per il grande schermo?

 No, non proprio (ride) . Se il mondo della musica è la vanità, il mondo del cinema lo è dieci volte tanto! Sì, è stata una sfida fare un film, ma il risultato è molto buono: siamo fieri! Tuttavia, un altro del film sicuramente si farà farà. E ‘stata un’esperienza di una volta, che è più che sufficiente.

 E che film che potrebbe metaforicamente descrivere la tua vita?

  • Non credo che ci sia un film solo.  Ma se siete hai presente, in qualche modo associo la mia vita – naturalmente, a “The Village” di M. Night Shyamalan ( il thriller del 2004, con Joaquin Phoenix e Adrien Brody ) . A mio parere, vi è la migliore colonna soloradi tutti i film, e la storia in sé è bellissima, gli attori sono grandi! Per me questo film è il numero uno.

– A proposito,la vostra musica appare in vari film: “La Grotta”, “Alone in the Dark”, “Il libro dei destini” 

  • Non ho mai visto questi film! E non ho mai scritto la musica appositamente per il film. La nostra casa discografica vende i pezzi per promuovere il disco, quindi ci sta..

– Hai pensato di scrivere musica solo per un film… hai mai avuto proposte? 

  • Sì, ci sono state, più volte. Ma sono sempre stato molto impegnato con i Nightwish e non sono riuscito a combinare nulla. Forse in 10-20 anni sarò in grado di permettermelo. É un’idea interessante, ma per il futuro!

– “Alone in the Dark” e “Il libro dei destini” di cui sopra, sono piuttosto spaventosi. Ti piacciono i film horror?

  • Molto! L’Horror è uno dei miei generi preferiti

– Cosa ti attrae  in questo genere ?

  • Belladomanda! Per inciso, io amo la letteratura horror. Stephen King è uno dei miei scrittori preferiti. Gli è stato chiesto molte volte perché scrive storie horror e anche lui non riusciva a spiegarselo … Forse è qualcosa a che fare con i timori personali – quando si guarda un film horror, vengono a galla e li trovi in un faccia a faccia. Penso che sia il motivo per cui molte persone amano queste cose. Si spaventano, ma allo stesso tempo, ti senti al sicuro. E a volte stai solo godendo di una buona storia. E sì, mi piace quando sento un senso di: “Ahh! Non riesco a guardarlo! “

– Cosa ne pensi del lavoro del regista finlandese di fama mondiale Aki Kaurismaki ( “L’uomo senza passato”, “The Match Factory Girl” e altri)?

  • Oh, lui è un vero finlandese! Un tipico rappresentante dell’arte finlandese. Buio, cupo. Mi piace l’umorismo un po’ cupo, malinconico. Vi è, tra l’altro, un altro ben noto regista finlandese – Renny Harlin. Questi due sono i grandi nomi del cinema finlandese.

– Tuomas, ho sentito la vostra musica anche nel videogioco “Vorkraft”, che è stato appena rilasciato come film…

–  (sorpreso) Davvero? Non sapevo

– Non ti piacciono i  videogiochi?

  • Non proprio, non sono un fan dei giochi per computer o consolle, anche se vedo in loro il fascino che esercitano. Ma i giochi da tavolo, per esempio,come Monopoly, mi piacciano molto!

 

Potete leggere l’intervista integrale qui, a cura di Catherine Skripnikova, il corrispondente di “Dusi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *