Recensione: Powermetal.de

Ecco una nuova recensione al disco tratta da Powermetal.de 


Un nuovo album dei NW mi porta a Donzdorf, alla sede della Nuclear Blast. Ci sono alcuni membri della band, tra cui il leader, e i giornalisti ascoltano il disco. Non ci sono copie fisiche del disco ne download, ma non possiamo darne colpa alla label. Seduto comodo mi ascolto quindi questo disco, ma va detto che non è un’opera che si apprezza con un solo ascolto.

L’album inizia con ‘Shudder Before Beautiful’, che ha un intro parlata. Le prime impressioni sono heavy, date dalle chitarre. Il cantato di Floor è  poco invasivo e quasi controllato, ma si vede la differenza con le precedenti colleghe. Sia il ritornello che i versi sono abbastanza scialbi. C’è però una parte ‘operetta’ che è molto interessante.

Il disco prosegue con “Weak Fantasy” con una violenta variazione e sofisticate percussione. Manca tuttavia una melodia forte, e anche i ritornelli e i cori non sono come ce li aspettiamo. C’è una sezione sinfonica che però non aggiunge sapore ma aggiunge il classico tocco NW. Per la prima volta penso che la band abbia fortemente voluto una base heavy metal. Ma chissà, devo ancora sentire tutto il disco…

‘Elan’ è il primo singolo. C’è una forte componente folk in apertura, giusto per ricordarci che Troy ora è parte della band e che Over The Hills and Far Away è uno dei singoli  più di successo della band. Perché non cercarne un seguito? In ogni caso penso che sia la canzone più povera ma carina. Le orchestrazioni portano alla melodia principale, la chitarra è forte ma solo di sottofondo. Ha certamente un potenziale commerciale. Forse in questo album non si poteva scegliere un vero singolo adatto.

Con ‘Yours Is An Empty Hope’ arriviamo davvero a qualcosa di potente e con un’atmosfera alla Therion. Sono molto colpito dal fatto che Floor sia ancora una ‘’cantante opera’’ e riesce a farlo con pezzi rock, pur non sfociando in una copia dei ReVAmp. In ‘Our Decades In The Sun’ mi vengono le rughe alla fronte, sono molto scettico. L’intro corale dice ‘Aaaha aaahhh aaah’, con dolci tastiere e Floor che più che cantare ansima…. Non è una canzone che mi convince, ma ascoltarla una volta sola non è d’aiuto…. ‘My Walden’ invece ci riporta ad elementi folk con un forte ritmo che ti colpisce in pieno volte. Le percussioni tribali e le parti di Troysono perfette e adatte al coro, tipicamente nightwishiano. I fans l’adoreranno, soprattutto per il grande finale che recita “everyone joins in and make noise with all that is within reach”. Sono I NW che volevo e temevo al contempo. Sarebbe stato un ottimo opening track tuttavia. La struttura è tipica e i suoni familiari.. cambia solo la front lady!!

Tuomas procede con ‘Edema Ruh’ e ci narra del suo amore per la letteratura fantasy. La canzone è pregevole per via delle chitarre che a volte prendono il sopravvento sulla melodia. Il coro è ottimo e sarebbe stato forse perfetto per un singolo, ma vorrei davvero sentire questa canzone più volte prima di parlare. ‘Alpenglow’ mi sembrava uno strumentale, invece  è una canzone completa, con chitarre forti e passaggi orchestrali un po’ sottotono rispetto a  Imaginaerum. Il pezzo rende però Floor una delle migliori cantanti metal sulla piazza, per me. 

Notevole anche lo strumentale successivo ‘The Eyes Of Sharbat Gula’: non ci sono chitarre o bassi ma solo varia strumenti. E’ potente e impressionante, quasi opulenta se la senti solo una volta.

Che il disco non sia apprezzabile era chiaro, ma arriva ‘The Greatest Show On Earth’ a darne ulteriore conferma. La canzone è immensa, divisa in 5 parti quasi a se stanti. Si tratta di un altro pezzo opulento e intenso che tratta temi abbastanza pesanti- Dopo un intro calmo  e parlato, inizia il vero viaggio di EFMB. Non posso davvero dare un giudizio unitario perché vorrei ascoltare questo disco in loop. Ma di sicuro, TGSOE è una canzone per cui la band riceverà molti complimenti per anni.

Descrivere un album del genere è difficile e in conclusione posso solo dire che è un chiaro passo indietro rispetto ai tempi di Tarja ma anche un qualcosa di nuovo grazie a Floor.  Ci sono parti con  i tipici NW ma anche parti molto fresche, le parti folk sono enfatizzate e i cori meno invadenti. Posso solo dire che dal 27 Marzo in poi i fans del metal sinfonico e pomposo saranno stregati.. e non vedo l’ora


Tradotta da Nightwishers, fonte: forum ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *