Breve intervista a Tuomas

Tuomas ha risposto ad alcune domande per il suo sito ufficiale.

Il mix e il mastering saranno completati a Gennaio. É andato tutto bene? Cavolate varie? (A parte picchiare il povero Troy??)
Sì il povero Marco ha avuto il suo da fare con il rischio degli sport acquatici. Anche un paio dei nostri tecnici. Non riusciamo a stare fermi quando ci divertiamo. Nulla di grave comunque. Tutto è andato per il meglio. OVviamente esclusa la brutta situazione di Jukka. Ora sta meglio, è ancora il motore della band, ma dietro le quinte per merchandise e burocrazia. Abbiamo deciso assieme che Kai prenderà il suo posto per tutto il tour mondiale che verrà, poi vedremo come vanno le cose dopo. E’ stata una registrazione dell’album abbastanza veloce, perché tutto il materiale era già stato provato, quindi abbiamo saltato la registrazione dei demo. Per PIp è stato un po’ più complesso per quanto riguarda le orchestrazioni, visto che di solito lavorava solo con i miei demo della tastiera- Alla fine è cambiato poco perché ci conosciamo bene
Sa benissimo come la penso sullo xilofono, o sul basso delle ballate. L’atteggiamento durante i 3 mesi di camp è stato positivo, entusiasta e rilassato. Ora che vi scrivo, abbiamo appena finito la seconda parte di mix, quindi le canzoni sono pronte al 95%- Basta un po’ di tuning e dovremmo avere ‘The Giant’ pronto per la metà di Gennaio.

Come cavolo ti è venuta in mente un’idea del genere per il titolo? Non è per niente nello stile della band.
In realtà è sempre stato lì, di fronte a noi, ma non me ne sono accorto fino a qualche mese fa. Mi sono reso conto appunto che sarebbe stato lui il titolo. Penso sia il mio preferito
di tutto il catalogo dei NW.

Includere Dawkins è stata una scelta che ci ha dato parecchia emicrania, per via di tutti i commenti. Ti aspettavi un tale responso? In che modo partecipa all’album?

Ero abbastanza sconcertato per alcune reazioni. Ma provano un punto di cui sono fautore:
‘Tutti vogliono credere che una bugia è meglio della verità. Se una persona in discussione è un falso impostore, nessuno si sente inadeguato’
Purtroppo spesso la gente non cerca la verità e le evidenze, quando vuole delle risposte. VOgliono trovare le evidenze che supportano i preconcetti che hanno su tale questione.
C’è un abisso tra queste cose. Non riesco a scrollarmi di dosso l’idea che c’è sempre una deliberata voglia di non capire a fondo e fraintendere.
Non siamo tutti colpevoli per questo modo di pensare? IO sì a volte lo faccio.
Il sarcasmo di Marco a riguardo è stato classico: ‘Se si volesse davvero far scalpore al giorno d’oggi, nella scena rock, altro che droga e satana. Prendete un biologo
evoluzionista!”

Ti sei interessato al suo lavoro?
Un paio di anni fa ho scoperto il suo libro ‘The Ancetor’s Tale’ e mi ha subito preso. Il suo modo di scrivere, l’arguto humor e la passione straripante per la scienza
e la ragione hanno avuto un forte impatto su di me. L’evoluzione per selezione naturale è estremamente interessante e e capirla per me è stata un’esperienza umile e spirituale.
Anche ‘I dieci nuovi comandamenti’ non sono male.

Lo scorso tour, avevi una decorazione particolare attorno alle tastiere, tipo canne di organo. Cosa avrai per il prossimo tour?
Ci stiamo lavorando, ma di certo qualcosa ci sarà.

Hai detto che il periodo ‘opera’ è finito ma non sei stato tentato di usare Floor con un cantato lirico?
Non ha senso far qualcosa solo perché la potresti fare. Abbiamo storie da raccontare e come band cerchiamo di farlo in modo convincente. A volte serve una voce
dolce a volte graffiante e in alcuni casi lirica. A volte persino lo strumentale è sufficiente. L’ampio spettro vocale di Floor sarà presente nel disco
ma fossi in voi limiterei le aspettative circa l’uso lirico della sua voce.

Sappiamo che sono i promoters a fare i tour. Ma ci sono posti in cui vorreste suonare?
Spesso chiediamo di suonare in posti poco battuti, come l’India, Islanda, Groenlandia, Sudafrica e Siberia. Sarebbe bellissimo visitare questi posti. Come mi
piacerebbe suonare in vecchie chiese e castelli.

Se farete un altro show segreto che ne dici di ‘The Warrior queen and her little rascals’? COme nome?
Mi sembra un porno

Ora la Scene Nation si chiama Oily Empire…. c’è un link a salmiakkikossu?(noto liquore scuro Finlandese, ndt) 
Sì sei sulla giusta via ma il nome ha dei segreti dietro.. non posso parlarne!!

Quante persone lavorano per la band?
Dipende dal tour. IN US oltre al management, gli autisti e 5 o 6 tecnici nessun altro. IN Europa siamo anche una sessantina.

Di cosa si era fatto Troy prima dell’ultimo servizio fotografico? Sorride come un idiota lunatico.
Cara, per queste forti accuse dovresti portare prove empiriche o tacere per sempre… Beh non mi ricordo comunque, mi pare che Troy parlasse di uno Shiraz dopo gli scatti

Sei mai stato a casa di Don a vedere la sua collezione?
No purtroppo. L’ho incontrato un paio di mese a una fiera di Helsinki. Che uomo tenero.

Hai mai cercato di ritrovare la bottigli persa durante il varo della Nightfish 2?
Ma come cacchio ti ricordi certe cose??

Qual è l’oggetto più caro/memorabile/costoso della tua collezione disney?
Direi la copertina di Don Rosa, in bianco e nero che ha dipinto per la copertina del disco.

Quando ho scoperto Dark Chest of Wonders e ‘The Ring of the OCeanborn’ in Elder Srolls non ci credevo. Lo sapevi?
Davvero? No, che bello!!

Interview taken from the Official Site. Translated by Nightwishers. Please don’t copy without our permission. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *