Dettagli sul nuovo cd, riassunto delle puntate precedenti

Il nostro Tuomas ha rivelato alcuni piccoli dettagli sul prossimo lavoro della band, “Imaginarium” , durante un’intervista per la rivista finlandese Soundi, rilasciata il 13 febbraio, poco prima di volare a Londra per le registrazioni orchestrali e rilasciare l’intervista cone le webmistresses del suo sito personale.

Parrebbe che tutte le tracks siano state composte e arrangiate dallo stesso Holopainen, tranne una,composta dal bassista Marco Hietala.

Il nuovo lavorò includerà anche una suite di circa 20 minuti che potrebbe essere divisa in due parti due durante il mastering.

L’album potrebbe quindi contenere 12 o 13 canzoni.

Gli arrangiamenti saranno di nuovo curati da Pip Williams e ci sarà ancora spazio per gli strumenti di Troy Donockley.

Ci saranno anche 2 canzoni senza base orchestrale, e nuove musicalità precedentemente non esplorate.

“We are using a wide array of ethnic instruments like the Taiko drums and the zurna on ‘Imaginarium’ The choir parts are yet again delivered by The Metro Voices,” Tuomas said.

“Stiamo usando molti strumenti  etnici tipo le percussioni Taiko e la zurna.Le parti corali sono ancora affidate al The Metro Voices” ha commentato Tuomas

Come sappiamo su “Imaginarium” si baserà anche un film, per la regia di Stobe Harju.

Le riprese non sono ancora iniziate e i personaggi non sono ancora stati scelti, ma pare che la scelta verterà su figure che “stimoleranno la fantasia del pubblico”. Si tratterà in ogni caso di attori non noti.

Holopainen ha mostrato un’attitudine abbastanza “sottotono” circa il film, adottando una umile scelta di “dvd direttamente” invece delle proiezioni cinematografiche.

“ovviamente sarebbe bello goderselo in un vero cinema un giorno, ma il tempo ci dirà se potremo proiettarlo nelle sale in Finlandia e magari Svezia e Germania…ma sarò super-felice anche con la pubblicazione su DVD”

“DPP si è rivelato uno dei nostri album più cupi e forti, quindi il prossimo sarà incentrato sull’amore e sulla bellezza del mondo”

Circa una correlazione con il recente film di Terry Gilliam e il compianto Heath Ledger, “The Imaginarium of Doctor Parnassus”, anche legata a temi e generale presentazione, Tuomas nega di essersi ad esso ispirato ma ammette di averlo visto e di aver acquistato il dvd.

Pare invece che l’idea per il titolo gli sia venuta 2 anni fa, durante un viaggio in Australia.

Anette Olzon ha invece commentato sul suo blog che sarà un album variegato e più adatto al suo stile, modellato anche sulla sua voce.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *